Pubblicazioni

Ricordi

L’edizione 2018 del premio letterario Arte di Parole, nato dall’intuito e dalla passione del professor Gianni Conti, è intitolata Ricordi e questo è stato il tema che ha ispirato gli sforzi creativi dei giovani autori provenienti da tutta Italia. Questo libro racchiude i 13 migliori racconti, partendo dal primo classificato Irene Usseglio Mattiei, Le vite di Ernesto e continuando con Federica Perillo, Pane impastato e mura del passato; Samuele Cornalba, Error 109: memories not found; Rebecca Boati, Padre; Giulia Fichera, Confidenze di una vecchia romantica; Alessio Damaschini, Il mondo di; Rocco Cannarsa, Un frutto che cade; Vittorio Lorenzo, Ancora una volta; Lorenzo Landi, Su sfondo bianco; Marzia Piampiani, La vita è un attimo; Stefano Ambrosini, Inferno; Laura Fabbri, Metà agosto oltre al racconto di Ginevra Corsini Il pretoriano, vincitore del premio speciale Prato.

Nota introduttiva di Grazia Maria Tempesti.

Pagine di felicità

L’edizione 2017 del premio letterario Arte di Parole, nato dall’intuito e dalla passione del professor Gianni Conti, è intitolata Pagine di felicità: questa infatti la traccia che ha innescato gli sforzi creativi dei giovani autori provenienti da tutta Italia. Questo libro racchiude i 16 migliori racconti, di cui lo scrittore Sandro Veronesi ha lodato “l’alto livello della scrittura, che fa pensare a esercizio e studio e dedizione da parte degli autori, e non soltanto a istinto e passione amatoriale”.

Tradimenti

“Tradimenti” è il tema dell’edizione 2016 del premio letterario Arte di Parole, e sulle numerose sfaccettature del termine hanno riflettuto gli studenti delle scuole superiori di tutta Italia. L’ambiguità e la poliedricità dell’argomento hanno stimolato la fantasia dei giovani autori che hanno esplorato il tema da vari punti d’osservazione, mettendolo sempre in relazione alla propria intimità. Il risultato è una panoramica originale di sensibilità e gusti che spesso stupisce per la qualità letteraria di questi primi passi d’autore.

Vergogna

La vergogna è il tema centrale dell’edizione 2015 del premio letterario Arte di Parole, l’idea di fondo su cui si sono concentrati gli studenti delle scuole superiori di tutta Italia. “Di che cosa dobbiamo vergognarci?”, si sono chiesti i tanti scrittori in erba. “Semplicemente di se stessi”, suggerisce Francesco Recami, “di come si è, del terrore di venire percepiti come portatori di deficit, di non essere all’altezza, di essere come nudi davanti agli altri, o di essere stati scoperti”.
I 15 migliori racconti sono pubblicati in questo libro, curato dall’ideatore del concorso Gianni Conti.

Confini

“Non c’è viaggio senza che si attraversino frontiere – politiche, linguistiche, sociali, culturali, psicologiche, anche quelle invisibili che separano un quartiere da un altro nella stessa città, quelle tra le persone, quelle tortuose che nei nostri inferi sbarrano la strada a noi stessi” Claudio Magris
I “confini” sono il tema del premio letterario Arte di Parole 2014, che ha ispirato i bellissimi racconti degli studenti delle scuole superiori di tutta Italia.