VIII PREMIO LETTERARIO NAZIONALE

Arte di Parole è dal 2011 Premio Letterario Nazionale

Nato da un'idea di Gianni Conti, organizzatore del Salotto Letterario Conti di Sesto Fiorentino, e coadiuvato dall'I.S.I.S. Gramsci Keynes di Prato, ha raccolto negli anni precedenti ampi attestati di partecipazione e di qualità.
Il tema di questa nuova edizione è "Sensi", un argomento che può essere letto e trattato secondo varie sfaccettature e stimolare riflessioni importanti sul modo di intenderlo nella contemporaneità.

Il Concorso Letterario Nazionale “Arte di Parole” è incluso nel Programma annuale 2016/17 del MIUR per la valorizzazione delle Eccellenze. 

Ai finalisti verrà rilasciata la certificazione dei risultati di eccellenza e ne sarà data comunicazione alle scuole frequentate. Tale certificazione dà diritto alla pubblicazione del nominativo nell’Albo nazionale delle Eccellenze (C.M. n. 17 del 7/9/2015, D.M. n. 514 del 28/7/2015).

                                                                                                          

“Invitiamo gli studenti a partecipare anche in ragione del fatto che leggere e scrivere è diventato uno stigma fondamentale per delineare la rivolta a favore della cultura dei circoli letterari presenti su tutto il territorio nazionale: se ne contano circa quattrocento”.

– Gianni Conti, ideatore del premio e patron del Salotto Letterario Conti –

 

 

 testimonial Lorenzo Baglioni

REGOLAMENTO

Testimonial LORENZO BAGLIONI

Liceale torinese vince la VII edizione del concorso “Arte di Parole”

  

 

 La vincitrice è Irene Usseglio Mattiet: frequenta la classe 5° del Liceo Scientifico Blaise Pascal di Giaveno (Torino). Il Premio Prato è andato a Ginevra Corsini del Liceo Scientifico Copernico. 

Pelù presente alla premiazione

È un podio per lo più rosa e tutto settentrionale quello che caratterizza la VII edizione del Premio Letterario Nazionale Arte di Parole, dedicato alle scuole di secondo grado. La vincitrice è Irene Usseglio Mattiet, della classe 5° Liceo Scientifico I.I.S. Blaise Pascal di Giaveno, in provincia di Torino, con il racconto intitolato: Le vite di Ernesto. Alla maturanda l’assegno di 1.200 euro, insieme ad un premio per la scuola. 

Sul secondo gradino Federica Perillo, del Liceo Classico, Artistico e Musicale di Aosta, con il racconto Pane impastato e mura del passato. Terzo classificato, Samuele Cornalba, dell’I.I.S Racchetti – Da Vinci di Crema, con il racconto “Error 109: memories not found”. 
Il tema di quest’anno è stato Ricordi. Testimonal di questa edizione il cantante Pierò Pelù.
Quanto al riconoscimento speciale della giuria del premio letterario nazionale al miglior racconto scritto da uno studente pratese, Premio Prato, è andato come lo scorso anno ad una studentessa del Liceo Copernico. Si tratta di Ginevra Corsini con il racconto Il pretoriano. Anche alla scuola pratese è destinato un premio in libri.
Di fatto la seconda edizione premio senza Gianni Conti, ideatore e principale sostenitore per molti anni di Arte di Parole, nonché insegnante di lettere e patron del Salotto Conti. Come lo scorso anno gli studenti del Liceo Artistico Brunelleschi di Montemurlohanno illustrato la locandina del bando e reinterpretato con disegni originali i tredici racconti vincitori.
Il Premio è patrocinato da Comune e Provincia di Prato e dal Comune di Sesto Fiorentino. È sostenuto economicamente dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Prato. I tredici racconti premiati dalla giuria, dodici finalisti e il Premio Prato, saranno pubblicati in una raccolta da Mauro Pagliai Editore.

PATROCINI, SPONSOR E PARTNER